Paolo Pasqualini



contattismo. Da poco abbiamo  ripreso ad occuparci di Ufologia, nella  nuova sede che sicuramente Ti sarebbe piaciuta....ma che dico Tu da lassù la stai vedendo e sono certa che vegli su tutti noi e che Ti piace.

E' stato creato questo sito che vogliamo  dedicare a Te amico nostro.... amico vero e sincero, ci manca la Tua allegria il Tuo HIPHIPURRA! Sei stato molto importante per me Ariella  e per tutto il gruppo di amici .....abbiamo fatto tante chiacchiere , discussioni e  anche qualche litigio, ma poi tutto si risolveva in un

HIPHIP URRA'. ... Da poco abbiamo ripreso ad occuparci di Ufologia, e Ti voglia fare un rimprovero:

"Per essertene andato senza avvisarci meriti una punizione, amico nostro.

Ma la meriti solo perché sarebbe un modo per riportarti qui tra noi.

 Non ti dimenticheremo mai."

Ariella  Gabri  Lilly  Bruno  Valentina  Marcello  Francesco

Paolo Pasqualini (nella foto), collaboratore anche dell'associazione "Pensando a Te", ha dedicato la sua vita allo studio del fenomeno comunemente chiamato degli Ufo, così come anche alle profezie e alle diverse concezioni legate ai fenomeni paranormali e non. È

stato collaboratore di varie realtà editoriali, ha scritto numerosi saggi ed è stato chiamato in più occasioni a dire la sua nell'ambito di inchieste e di trasmissioni. Una delle sue ultime apparizioni in occasione della trasmissione "Operazione Effe" in onda sull'emittente televisiva Telefriuli. Allora si era parlato in realtà delle profezie dei Maya, dell'annunciata fine del mondo e di altri argomenti correlati. Così Pasqualini era stato chiamato a dare la sua testimonianza da esperto e da studioso ormai "navigato" in materia. Una materia che conosceva a fondo e che gli aveva dato modo, nel corso degli anni, di essere conosciuto a livello nazionale e internazionale. Un uomo a tratti schivo e riservato, ma allo stesso modo anche molto partecipe alla vita sociale cittadina. La sua presenza alle manifestazioni culturali ronchesi era sempre una certezza. Sin da giovanissimo aveva preso confidenza col mondo del paranormale e con gli avvistamenti degli Ufo. Una ricerca spasmodica e metodica, fatta di studi e approfondimenti. Possedeva un ricco archivio fatto di materiale, anche fotografico e di filmati, che sono la testimonianza della sua convinzione, ovvero quello che altre forme diverse di vita esistano accanto a quella terrestre. I suoi studi lo avevano visto anche soffermarsi sul controverso fenomeno dei cerchi nel grano che egli diceva fossero proprio l'espressione di altre forme di vita. Nessun dubbio, per lui era una certezza. Di recente era intervenuto su fenomeni paranormali nel pordenonese e nell'Isontino, sottolineando sempre che anche in questo settore non ci possono essere improvvisazioni.

Tratto dall'archivio del Il Piccolo